Wolf Children “Ookami Kodomo no Ame to Yuki”

Locandina

Wolf Children” è la terza grande opera di Mamoru Hosoda.
Se “La ragazza che saltava nel tempo” è il film che l’ha fatto conoscere al mondo e “Summer Wars” quello che ci ha confermato la bravura del regista, quest’ultima fatica rappresenta la sua consacrazione.

Hana è una studentessa universitaria di Tokyo come tante altre, che si innamora di un ragazzo conosciuto durante le lezioni. Il ragazzo, particolarmente schivo e riservato, inizialmente la evita, ma poi, pian piano, i due iniziano a frequentarsi. Avranno due figli insieme: la prima, Yuki, e il secondo, di un anno più giovane, Ame.
“Wolf Children” racconta la storia di una famiglia ordinaria, se non fosse, però, per un “piccolo” particolare: Ookami, il padre, è in realtà un uomo-lupo ed è in grado di assumere liberamente le due forme. Purtroppo, però, il suo istinto animale lo condurrà a una fine prematura e quindi Hana dovrà crescere i due ragazzi da sola. Fare la madre è un mestiere difficile, figuriamoci quando si devono allevare due bambini che sono per metà lupi e solo per metà umani e che, soprattutto inizialmente, non sono nemmeno in grado di controllare la propria trasformazione.

La componente sovrannaturale non deve però far pensare che ci troviamo di fronte a un film sui licantropi, perché “Wolf Children” è un film che parla della famiglia e può essere benissimo la nostra storia, solo con qualche inconveniente in più. Questa componente fantastica ha l’unico scopo di enfatizzare le varie problematiche della vita umana.

Yuki e Ame sono due ragazzi completamente diversi: la prima è una ragazza vivace ed espansiva, il secondo è un ragazzo decisamente più chiuso e introverso, che fatica a socializzare con gli altri. La possibilità per loro di trasformarsi in lupo viene usata con estrema maestria in più occasioni: inizialmente per rimarcare come per un genitore sia difficile crescere e comprendere a fondo i propri bambini, poi per mostrare le difficoltà degli adolescenti nel conoscere sé stessi, e successivamente per sottolineare come per ognuno di noi arrivi il giorno in cui bisogna compiere scelte importanti per il proprio futuro.

 Ma quest’opera è anche una metafora o lo è almeno nella misura in cui tenta di spiegare la realtà in termini irreali. Ecco che la storia di una madre e di due figli-lupo diventa la storia di ogni madre e di ogni figlio. Hosoda si serve dei tratti bestiali dei bambini per rendere evidente la rappresentazione dei loro istinti e della loro impulsività. La natura dicotomica dei bambini-lupo è invece il riflesso della conflittualità intrinseca nell’adolescenza, della ricerca di identità e della paura di scoprire parti di sé stessi selvagge e incontrollabili.

Ma “Wolf Children” racconta anche dell’amore sconfinato di una madre per i suoi figli ed è la sua semplicità a renderlo straordinario. La storia non è ricca di colpi di scena e il tutto si svolge in maniera piuttosto prevedibile e lineare, ma Hosoda è un maestro nell’offrire un realismo delle relazioni umane unico, e proprio per questi motivi, il film è capace di coinvolgere ed emozionare con una dolcezza e delicatezza estreme.

“Hosoda cosparge di luce la poesia della vita, perché tutti possano osservarla: i percorsi montuosi, una collina innevata, il romanticismo di camminare vicino senza neppure sfiorarsi, un piatto caldo preparato con cura, i piccoli istanti irripetibili che si vivono nel crescere delle nuove vite, l’impresa di non insegnare loro semplicemente a sopravvivere, ma di renderli in grado di decidere autonomamente come vivere”. [Commento su AnimeClick]

anime-wolfchildren-04
the-wolf-children-ame-and-yuki
Wolf Children 05
Wolf-Children
wolf-children_3
Wolf-Children-Ame-and-Yuki
Wolf-Children-Screenshots-1

Fonte: Diversi commenti all’opera espressi su AnimeClick e riformulati.

There are no comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: