La Critica

critica

“La critica cieca ai pregi, che si focalizza solo sui difetti, fa diventare il più piccolo sassolino una valanga”  [Srila Gurudeva]

Cosa differenzia una critica costruttiva da una critica distruttiva?
I toni e la forma con cui viene espressa? I contenuti? Le intenzioni di chi la produce? o la capacità di acquisirla e gestirla di chi la riceve?

Le discipline orientali ci insegnano che è sempre il nostro livello di coscienza che determina ogni cosa: come l’accogliere in maniera corretta il complimento, così come i dissensi, poiché è nei dissensi che l’ego si manifesta e reagisce alle offese compiendone altrettante.

E sottolineano anche che una critica mossa a fine costruttivo sia da accogliere in modo gioioso, in quanto dà modo di migliorare le possibili lacune di alcuni lati della nostra personalità.
Quando riceviamo una critica è l’ego a creare la barriera della difesa, ma nel momento in cui altre persone a noi vicine ci permettono di vedere dove noi siamo in difetto, dovremmo ringraziare perchè ci offrono la possibilità di diventare individui migliori.

Ma a questo punto sorge una domanda: quale critica è costruttiva e quale invece non lo è?

Possiamo affermare con una certa sicurezza che la critica volta al miglioramento è per definizione costruttiva: è un’osservazione che nasce dal bene comune, volta alla crescita della parte che si espone e di quella che la riceve, insomma è una vera, reale opportunità di miglioramento. E’ una critica che si muove in senso positivo, prendendo atto in primo luogo dei pregi e delle virtù valorizzandoli e rendendoli strumento primo per iniziare il processo di trasformazione che renderà possibile il completamento e l’armonizzazione delle lacune presenti. Non diventa strumento di distruzione, piuttosto si fa strumento di armonizzazione.
Una critica distruttiva invece porta con sè un triste e disecologico potere vandalico: tende a devastare ciò che è bello, buono, utile.

La critica distruttiva evidenzia solo i lati negativi, e non propone valide soluzioni alternative.

Inoltre, nella critica distruttiva, raramente chi si espone lo fa direttamente, anzi la fomenta nascondendosi e cercando di fare terra bruciata attorno all’oggetto della critica.  La critica distruttiva, insomma, ha come fine l’offesa: vuole, è sua intenzione, offendere, ovvero -come ci dice il dizionario di lingua italiana- “arrecare a qualcuno un danno materiale o morale, con atti o con parole”.

“Giudicare e insultare comporta l’assunzione di una posizione di superiorità sull’Altro che sente ridurre la sua autostima. Se invece riusciamo a descrivere e far partecipi del nostro sentire, ci mettiamo in una posizione di parità umana”. [Tratto dal Pensiero Comprensivo del Centro Studi Giuseppe Romano]

critica2

“Molti di noi non sanno come criticare, si sentono a disagio e evitano il confronto, fino a quando la situazione degenera ed esplode.
All’opposto ci sono persone che comunicano essenzialmente attraverso una critica costante e comprensiva di tutti e tutto.
Poche persone sanno criticare senza essere aggressivi o offensivi, pochi sanno ascoltare un commento su loro stessi senza sentirsi feriti ed colpiti nella propria autostima. Si colpevolizzano o colpevolizzano l’altro in un circolo senza vincitori”. [Paola Bonavolontà]

“L’epistemologia del rispetto riconosce che ognuno di noi possiede un’esperienza unica del mondo. Questa esperienza unica varia da persona a persona. E le nostre parole ed espressioni? Esse non sono fotografie del mondo esterno, piuttosto emergono dalla nostra esperienza interiore e ci consentono di condividerla senza dominare i nostri ascoltatori.” [Jerome Liss ]

Advertisements

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: