Vacanze nell’Italia Media

Quest’anno ho passato le vacanze a Rimini e ho avuto la grande opportunità di poter osservare un insieme di persone che in qualche modo definiscono nella loro etereogenità l’Italiano Medio.

La prima cosa che mi ha colpito è stata che della percentuale di italiani presenti (russi e tedeschi le nazionalità più rappresentative per l’estero) il 90% fosse di Napoletani.

Napoletana era anche la titolare dell’alberghetto nel quale mi trovavo che fin da subito ha mostrato la sua “furberia” nel cercare di gestire la sua attività.

La stanza era fondamentalmente uno sgabuzzino. Nessuna relazione tra quanto visto sul sito internet e la realtà. Nel mio pacchetto era prevista anche la spiaggia e poiché l’albergo era pubblicizzato come “a soli 100 metri dal mare” mi stavo già mettendo il costume, pronto all’azione. Purtroppo però il Bagno (peraltro molto bello) si trovava in un altro paese, a oltre 1 km di distanza.

Non amo discutere e litigare in vacanza e tutto sommato farsi delle belle camminate per smaltire i lauti pranzi (buona cucina, bisogna dire) ha i suoi lati positivi.

L’albergo era anche convenzionato con i parchi della Riviera. Ora non so cosa intendete voi con “convenzione“, ma io intendo che vi sia un qualche tipo di sconto. La signora invece mi ha venduto i biglietti allo stesso prezzo del Parco sostenendo che la convenzione stesse nel fatto che avendo il biglietto non facevi la fila e informandomi poi ingenuamente che a inizio stagione ne aveva presi 300.

Ecco a cosa ci abituato l’atteggiamento televisivo, politico e giornalistico italiano: si pensa che ormai sia normale bersi qualunque stupidaggine. Che una persona non sia più in grado di pensare e dire: ma cosa dici? e tu prendi 300 biglietti senza che ti facciano uno sconto con il rischio di perderci se non li rivendi tutti? a che Pro?

Torniamo alla nostra analisi sociale.
Mi è capitato di incontrare il meglio della cultura Partenopea, ovvero persone disponibili, affabili, allegre… e ovviamente il peggio, ovvero persone maleducate, sguaiate, volgari e invadenti.

Ma ciò che più mi ha colpito è stata l’abissale ignoranza di cui mi è capitato di essere testimone. Cito così, a caso, 3 episodi:

1) La Marea, questa sconosciuta
Mi trovavo in acqua con mio figlio, in un punto nel quale lui non toccava, ma lo rassicuravo sul fatto che dopo qualche metro avrebbe toccato nuovamente essendoci una piccola secca. Il piccolo ricordava che il giorno prima alla secca era arrivato toccando e chiedeva spiegazioni, al che gli ho spiegato che era pomeriggio e c’era l’alta marea che alzava il livello dell’acqua. Prontamente una signora è intervenuta rassicurandoci: “non preoccupatevi, qui ci sta l’alta marea, ma più avanti c’è la bassa marea“.  Per un attimo ho pensato di spiegarle cosa fosse la Marea, ma ho poi pensato che avrei potuto offenderla ed ho evitato.

2) Prosciutto e Melone
Sento un dialogo tra due coppie:
“Oggi ci hanno dato prosciutto e melone”
“Cioè? vi hanno dato prima il prosciutto e poi il melone…”
“No, no, ci hanno dato il prosciutto e melone INSIEME”
“Mah…sarà un piatto moderno….”

3) O’ Piemonte
Una coppia di signore napoletane sul bus si siede di fronte ad una coppietta piemontese e iniziano a chiacchierare.
“Ma voi..da dove venite?” chiede la signora
“Dal Piemonte” risponde la ragazza
La signora rimane pensierosa; si volta verso la sua amica altrettanto dubbiosa e chiede: “Non so…o’ Piemonte?  e ‘ndo sta?”
L’amica allarga le braccia: non l’aveva mai sentito nominare!
Pronti i due sposini che rispondono.
Lui: “Signora…al Nord…dove sono le Montagne”
Lei: “Vicino alla Val d’Aosta…”

La riflessione di oggi è che, inevitabilmente, ciascuno di noi finisce per crearsi un giro di persone (parenti amici e conoscenti) che in qualche modo hanno  un livello culturale similare al nostro in maniera percentualmente preponderante. Ma vivendo un certo tipo di società, finiamo per allontanarci dalla reale situazione del paese:

Secondo i dati pubblicati nel 2005 da una ricerca dell’Università di Castel Sant’Angelo dell’UNLA  (Unione Nazionale per la Lotta contro l’Analfabetismo), quasi sei milioni di italiani sono totalmente analfabeti. Rappresentano il 12% della popolazione contro il 7,5% dei laureati.

La cosa interessante di questi studi è che negli ultimi 10 anni la situazione sarebbe stabile. Che sia interesse di qualcuno tenere bassi i livelli culturali della popolazione? Voi che dite?  🙂

Advertisements

4 Risposte

  1. ti prego, dimmi che le foto sono tue!
    ciao bello mio, sempre interessante il tuo blog.
    Lcn

    • Purtroppo no! ma ti assicuro di aver visto soggetti dello stesso calibro!
      Grazie caro!

  2. Beh, sul fatto che ci si crei un giro di amici simili, con stessi interessi e spesso stesso livello culturale è normale.
    Mio marito mi ritiene un’ignorante, eppure in più di un posto di lavoro che ho avuto mi ritenevano un pozzo di scienza e una che sa parlare forbito!
    Quindi, vale sempre il discorso di tenersi pronti ad ogni evenienza quando si esce di casa.
    Sull’ignoranza, non so che dire, il discorso è ampio. Io ho sempre creduto che la percentuale di analfabeti dipendesse dalle persone anziane, per esempio entrambe le mie nonne sono analfabete. Mi rifiuto di credere che si intenda portare avanti l’analfabetismo in maniera razionale, ritenendo di poterci trarre profitto, sarebbe davvero una triste realtà (che dimostra la reale ignoranza di chi porta avnti un piano del genere).

  3. Analfabetismo interesse di Qualcuno ? MA STAI SCHERZANDO ?!?
    E’ Ovvio 😀 !
    una cosa mi è piaciute tantissimo : finiamo per allontanarci dalla reale situazione del paese . è un problema molto grave , almeno per quanto mi riguarda . Ma xk la mia impressione ed il mio giudizio di una persona sono molto condizionati dal suo livello culturale .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: