Ignoranza Pluralistica

Tutti sappiamo cosa studi la psicologia:
Il comportamento degli individui e i loro processi mentali.

La psicologia sociale invece studia l’interazione tra individuo e gruppi.

In un mio post precedente, riguardante la deindividuazione, parlavo proprio di un esperimento di piscologia sociale e, poiché non ho fatto allora questa distinzione di area, ci tengo a farlo ora.

Detto ciò, oggi vi parlerò dell’Ignoranza Pluralistica, un processo che coinvolge le persone quando sono all’interno di un gruppo.

Ciascuno pensa che gli altri abbiano più informazioni sulla situazione e quindi di fronte a un evento ambiguo le persone osservano il comportamento altrui per cercare di interpretarlo correttamente senza considerare che anche gli altri fanno lo stesso. Ciò porta ad un’elevata probabilità di inazione.

Si tratta di un processo che coinvolge diversi membri di un gruppo che pensano di avere diverse percezioni, credenze o attitudini rispetto al resto del gruppo. Essi si comportano comunque come gli altri membri del gruppo perché ritengono che siccome tutti si comportano allo stesso modo le opinioni all’interno del gruppo siano unanimi. Siccome quindi tutti i dissenzienti hanno la stessa percezione e si comportano come se concordassero con gli altri, ciascuno pensa di essere l’unico a dissentire e questo rafforza la propensione a conformarsi.

A causa dell’ignoranza pluralistica le persone tendono a conformarsi a quella che percepiscono come opinione consensuale invece che agire in base alle proprie percezioni e convinzioni.

A tal proposito venne fatto un esperimento nel 1970, da Bibb Latané e John Darley,  che dimostra come:
Le informazioni utilizzate da un soggetto per definire un evento insolito non derivino soltanto dall’osservazione diretta da parte del soggetto stesso ma anche dal comportamento delle altre persone che assistono alla scena“.

Alcuni studenti vennero invitati in una sala d’aspetto a compilare un semplice questionario. Ad un certo punto iniziava ad uscire un fumo bianco da sotto una porta! (l’evento insolito)

Nel primo caso si aveva un soggetto ignaro da solo nella stanza che, con estrema rapidità, decideva che qualcosa non andasse, che ci potesse essere una situazione di pericolo e che usciva nel corridoio per chiamare un addetto.

Nel secondo caso si avevano diversi soggetti ignari insieme. Soltanto il 38% di loro cercava di avvisare qualcuno entro i primi 6 minuti.

Nel terzo caso si avevano un soggetto ignaro e diversi complici che fingevano disinteresse all’evento insolito. Le percentuali di inazione si sono rilevate analoghe al secondo caso.

La riflessione

L’uomo è sicuramente un animale sociale. In presenza di altri soggetti tende a valutare la propria azione in funzione degli altri e questo non è di per sé un male. Il conformarsi però mettendo in secondo piano la propria percezione della realtà e di conseguenza la propria valutazione, benchè sia un processo che ha tutte le sue motivazioni evoluttive per esistere, non è una cosa positiva. Un classico esempio può essere il mobbing, nel quale un gruppo di soggetti (o anche solo uno, il capo) prende di mira una persona e i colleghi non agiscono secondo la propria etica, ma restano nell’inazione o, peggio, aderiscono al modello comportamentale negativo.

Advertisements

Una Risposta

  1. Questo argomento è molto interessante.
    Ora ci sono corsi per insegnanti riguardo al bullismo.
    Sono rimasta stupita dal fatto che il mobbing sia la normale evoluzione del bullismo.
    Di per sé la necessità all’omologazione porta sia cose positive che negative, quindi non me la sentirei di squalificarla completamente.
    E’ pur vero che un comportamento del genere lascia più spazio a persone intraprendenti, che reagiranno in maniera meno “conforme” rispetto ad altri.
    Come sempre, la persona che ha un’autoimmagine positiva di sé (e quindi fiduciosa delle proprie idee e impressioni) avrà una reazione più obiettiva ai fenomeni che si presenteranno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: